Le prelibatezze: il ramen o lamian!

IMG_4868

Una delle prime cose che si fanno tornando in Italia dopo un viaggio in Cina è quella di andare con gli amici in un ristorante cinese e dire che quella NON è vera cucina cinese.

Ed in parte è vero. Purtroppo i ristoranti che propongono cucina straniera in Italia (ma così anche in UK o in US) si adattano molto ai gusti dei locali ed è quindi tremendamente difficile trovare un ristorante che propone vera cucina cinese o giapponese che sia.

Tra le cose che mi hanno spinto a trasferirmi in Asia c’è sicuramente l’amore smisurato che ho per i noodles. Insieme alla pizza è qualcosa a cui non posso rinunciare. Ed è proprio per questo che oggi voglio parlarvi  di uno dei piatti più tipici della cultura cinese e giapponese: il ramen!

Avete presente i cartoni giapponesi dove c’è l’eroe di turno seduto al tavolo con la sua bella ciotolona davanti che tracanna spaghetti  in brodo con le bacchette? bene, sono proprio quelli!

inuyasha_eating_his_ramen

Ma partiamo con qualche cenno storico: in molti hanno sentito la parola ramen e magari guardando proprio qualche anime giapponese hanno desiderato almeno per una volta poter assaggiare uno di quei fumanti piatti emulando i nostri eroi preferiti. In pochi però sanno che la parola ramen ラーメン deriva della parola cinese lamian 拉面. Infatti i famosi spaghetti sono di origine cinese e furono introdotti in Giappone solo nel 19° secolo. In origine il ramen in Giappone era conosciuto come shina toba  (zuppa cinese)  o anche chuka soba (frumento cinese).

In Cina così come in sol levante i noodles cambiano sapore e metodo di cottura da località a località.  L’ingrediente principale per la preparazione degli spaghetti è la farina di grano e vengono identificati con il carattere (mian) mentre per gli spaghetti fatti con il riso si usa il carattere (fen).

Mentre per quanto riguarda il brodo viene ricavato facendo bollire,per ore ed ore, ossa e carne di manzo, pollo oppure maiale con verdure e alcune spezie. Mentre come “topping” nel piatto pronto vengono aggiunte verdure, germogli di soia, fettine di carne tagliata finemente, funghi, bamboo, uova e tutto quello che la fantasia del cuoco riesce ad immaginare. Purtroppo classificare tutte le varianti è praticamente impossibile in quanto le varietà sono praticamente infinite!

A mio avviso anche se in Asia viene consumato indipendentemente dalla stagione è un piatto tipicamente invernale in quanto la zuppa viene servita a temperatura “fusione nucleare” ed è solo avendo la pazienza di aspettare che raggiunga una temperatura accettabile per il corpo umano che si apprezza la bontà.

Ricordo con estremo piacere quando in un rigido inverno del 2009 a Pechino con -17° di temperatura esterna entravi in uno di questi fantastici ristoranti ed ordinando una zuppa provavi una sensazione di ristoro immediata… il problema si ripresentava all’uscita.

img10431704170

In Cina i spaghetti in brodo più famosi sono senz’altro i 牛肉拉面 (niu rou la mian) che vengono generalmente preparati e cucinati da cinesi di etnia Hui (musulmani).

20131016_220500

I spaghetti vengono preparati al momento con pasta fresca dove la preparazione a dir poco spettacolare viene eseguita tutta a mano senza l’ausilio né di coltelli né di macchinari. Vi lascio guardare questo video per darvi un’idea:

Non so voi, ma io nei movimenti precisi del cuoco, la farina che vola, l’impasto che gira ci rivedo la storia di un intero popolo, è magnifico.

In questi due Paesi ma anche in Corea la preparazione del ramen viene presa molto seriamente così come la preparazione della zuppa che richiede molto tempo e dedizione quasi fosse un’arte prepararla. Nella composizione finale del piatto i sapori devono bilanciarsi perfettamente e nessun ingrediente deve prevalere su l’altro.

ramen-parts-assemble

Ai noodles è dedicato anche un film molto famoso “Tampopo” dove tra gli attori spicca Ken Watanabe (L’ultimo samurai).

In Giappone potrete addirittura trovare distributori di ramen per strada, per uno spuntino veloce… un po’ come un panino per un italiano!

Di tutta un’altra categoria invece sono gli istant noodles o istant ramen che non sono altro che la versione iofilizzata di quelli freschi.

Gli istant noodles in cinese 方便面 (fang bian mian – noodles convenienti) sono un’invenzione giapponese di Momofuku Ando che dopo la 2° guerra mondiale crea, secondo i giapponesi, la più grande invenzione del 20° secolo. Fu però nel 58′ che la società giapponese Nissin mette in vendita il primo pacchetto di ramen istantaneo al gusto di pollo. Nel 1970 poi, viene esportato in US sempre dalla stessa società incrementando l’offerta con nuovi gusti (maiale, manzo, gamberetti). Ad oggi la Nissin Foods fattura 3 miliardi di dollari l’anno, possiede 29 fabbriche sparse per il mondo e  da lavoro a circa  22 mila impiegati, non male eh?

In Giappone più precisamente ad Osaka i cup noodles sono così famosi da avergli dedicato addirittura un museo!

Nissin Instant Ramen Museum, Osaka

Mentre in Cina ogni supermercato ha il suo enorme reparto di fang bian mian paragonabili ai reparti di pasta in un qualsiasi supermercato italiano!

Prepararli è molto semplice, aprendo la confezione all’interno troverete, verdure disidratate,  una purea di carne/pesce, polvere per insaporire il brodo ed una forchettina in plastica. Una volta versato il contenuto delle bustine nel recipiente verserete dell’acqua molto calda, attenderete 5 minuti… et voilà! i vostri noodles sono pronti!

noodle

Allora, che dite vi è venuta voglia di una bella porzione di ramen?? fammelo sapere con un messaggio qui sotto o sulla pagina facebook di Xixi in Cina!

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;Le prelibatezze: il ramen o lamian!

  1. Si mi è venuta voglia di assaggiare non sono mai andato in un ristorante cinese a mangiare o non ho mai cambiato il menu e le mie abitudini sul cibo sarebbe la prima volta ke cambio e scelgo questa novità sul cibo ma sono curioso devo solo vedere dove abito io chi vende questo piatto di ramen da me nei supermercati o da latre parti non si riesce mai a trovare mai niente ma ho voglia di cambiare e di assaggiare questa novità

    • Ciao Fulvio, lo scoglio per noi italiani e provare nuovi sapori ma in realtà anche per i cinesi provare nuovi sapori non è semplice. Stessa cosa per gli indiani. Il consiglio che posso darti e provali! male che vada… potrebbero non piacerti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...